La ricerca del consenso

Tutti cercano il consenso. È diventato pure un lavoro, la ricerca del consenso, si chiama marketing. Un sacco di gente lavora nel marketing. Alcuni guadagnandoci un sacco di soldi. Altri la solita paga da fame, ma questa è un’altra storia.
Abbiamo un governo che agisce sulla base della ricerca del consenso, un presidente del consiglio che ne ha fatto una ragione di vita.

Perché stupirsi se allora tutti siamo sempre lì che lo cerchiamo? Ma di chi? Del datore di lavoro, dei colleghi, del partner…

Poi si dice che si va sgretolando il principio di autorità… Te lo credo! Come si può instaurare un qualsivoglia principio di autorità se siamo sempre lì a cercare l’approvazione del prossimo, se tendiamo di vendergli una mozzarella?

Il consenso è un lusso che un insegnante non si può proprio permettere. Nella pletora di sorrisi ed ammiccamenti elargiti allo scopo di trovare nello sguardo degli allievi un minimo segno di approvazione, naufraga miseramente ogni barlume di autorevolezza. Un insegnante deve fregarsene di essere amato, ma deve solo aspirare ad essere rispettato, e riconosciuto nel proprio ruolo. Solo così potrà far bene il proprio lavoro, ed essere apprezzato dai propri allievi. Ma questo apprezzamento è cosa che verrà dopo, se verrà, e se non verrà è lo stesso. Il valore di un insegnante si misura solo dalla sua capacità di convincere i propri allievi che vale la pena di studiare la sua materia. Perché alla fin fine anche le altre missioni dell’insegnante passano di lì, dall’insegnare.

E una che insegna da tre mesi non si può occupare delle altre missioni. Per ora bella grazia se riesce a ottemperare alla prima.

Oggi ci sono stati gli scrutini. I miei allievi sono tre giorni che cercano il mio consenso, si comportano bene, dichiarano che nel prossimo quadrimestre tutto cambierà e diventeranno bravissimi.

So bene che la settimana prossima ricomincerà la solita musica.

Ed io dovrà solo cercare di tenere la barra del timore diritta. E sorridere poco.

Advertisements

0 Responses to “La ricerca del consenso”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: