Stato etico o libertà individuale?

In questi giorni mi sono trovata spesso a chiedermi, in modo un po’ didascalico, come si confà alla mia nuova professione, “Cosa deve fare lo Stato?”

La domanda può essere variamente articolata, anche come “Lo Stato può dirmi cos’è giusto e sbagliato? Può impormi un sistema di valori? Può decidere cosa io, come individuo, posso fare della mia vita?”

La risposta per me è una e una sola. NO.

Lo Stato deve stabilire un sistema di regole che impediscano che il singolo individuo, gruppi di individui, o lo Stato stesso, nuocciano ad altri individui o ne limitino le libertà,  deve definire quindi quali sono i diritti e i doveri dei singoli cittadini perché ciò accada, deve mettere in campo azioni per far sì che i cittadini si trovino ad avere le medesime “condizioni al contorno” e che non ci siano cittadini, gruppi, organizzazioni più uguali degli altri.

Lo Stato però si deve fermare quando si entra nel merito della libertà del singolo individuo, che deve essere garantita in modo assoluto, così come devono essere garantite la sua libertà di scelta. Insomma, lo Stato non può dire a me, cittadino, cosa è giusto e sbagliato, se non nella misura in cui in così facendo difenda la libertà e i diritti degli altri cittadini.

Nel secolo scorso, che ha visto passare sotto i suoi occhi gli orrori dei totalitarismi, era ben chiaro a tutti, all’immaginario collettivo, i pericoli e le aberrazioni di Stato che si arrogava il diritto di decidere cosa fosse giusto o sbagliato in assoluto, di uno Stato etico, per dirla in una parola.

Negli ultimi anni questa chiarezza, che, come altri concetti, consideravano tutti come acquisita, è venuta meno, e si sta sempre più diffondendo, in modo subdolo, l’idea che lo Stato possa sostituirsi alla coscienza individuale.

Non troppo casualmente, questo va di pari passo con una visione dello Stato sempre meno democratica e sempre più assoggettata a figure in grado di farsi garanti, in termini più emotivi che istituzionali, dell’eticità dello Stato stesso.

Quel delicato equilibrio dei poteri (legislativo, esecutivo e giudiziario) che è alla base dei moderni ordinamenti istituzionali, e che solo garantisce la democrazia dei nostri sistemi, è sempre più messo in discussione, oggi per problemi di urgenza, ieri per questioni di coscienza, domani per cause di forza maggiore, ieri oggi e domani perché è in gioco la sicurezza nazionale.

Ci stanno chiedendo di abdicare alla forma democratica e di affidarci al piccolo padre della nazione, che sa cos’è meglio per noi, che non può agire costretto da lacci e lacciuoli delle leggi, o, peggio, dagli anacronistici lacci e lacciuoli della Costituzione, e che deve essere messo nelle condizioni di lavorare al meglio. Ovviamente al meglio per noi che l’abbiamo plebiscitariamente scelto in libere elezioni…

Oggi pomeriggio ci sono presidi in tutta Italia per difendere la nostra democrazia.  

Io sarò qui.

Advertisements

3 Responses to “Stato etico o libertà individuale?”


  1. 1 LGO martedì, 10 febbraio 2009 alle 9:28 pm

    Io non so se ce la faremo a restare vigili. Ma, in ogni caso, non abbiamo alternative. E questo spazio virtuale è consolatorio: trovo tante persone di cui sento che potrei fidarmi. E non è cosa da poco.

  2. 2 oipaz venerdì, 13 febbraio 2009 alle 8:08 am

    Quello che temo della consolazione che ci danno gli spazi virtuali è che alla fin fine somigli un po’ ad un narcotico: ci consoliamo fra noi, ci sentiamo solidali, ma di fatto non cambiamo niente…

    Pessimismo mattutino, scusami.

  3. 3 Johng746 giovedì, 14 agosto 2014 alle 5:01 pm

    Hi there. Merely desired to question an instant dilemma. dedbkcdddkdg


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: